Quando Dumas copiò Poe

A 150 dalla morte, spunta un curioso episodio

di Luca Guarro 5 Dicembre 2020

Viveva a Napoli, Dumas, quando scrisse questo strano racconto.
Viveva a Napoli e di Napoli raccontava crimini e misteri.
Come decise di fare quello che fece è veramente una cosa che non si capisce.
Già. Perché uno forse non lo sa. Ed è pure brutto raccontarlo oggi, che del vulcanico scrittore francese, ‘cadono’ i centocinquanta anni dalla morte. Ma Alexandre Dumas, l’autore de I Tre Moschettieri, de Il Conte di Montecristo e di altri duecento e passa romanzi indimenticabili, un bel giorno, a Napoli, tra un freddo dicembre del 1860, e un altrettanto gelido gennaio 1861, decise che doveva copiare uno dei racconto più famosi della storia del giallo. Anzi, IL racconto più famoso. Quello che viene considerato, in assoluto, il primo giallo di tutti i tempi: I delitti della Rue Morgue, pubblicato un ventina d’anni prima da un ‘certo’ Edgar Allan Poe.

Son quelle cose che uno veramente si chiede perché. E qualcun altro risponde che poi il buon Alexandre non fosse proprio nuovissimo a queste stravaganze. Fatto sta, che un bel giorno, a Napoli, tra un freddo dicembre del 1860, e un altrettanto gelido gennaio 1861, sull’Indipendente (un foglio che Dumas fondò grazie ai favori dell’amico Giuseppe Garibaldi) appare L’assassinio di rue Saint Roch. In una notte buia e tempestosa due donzelle vengono ritrovate senza vita in un appartamento di Parigi. Al numero 7 di rue Saint Roch, appunto. E chi è stato, e chi non è stato, alla fine si scoprirà che l’assassino è un Orango del Bormeo, scappato ad un marinaio.
Da gelare il sangue dall’imbarazzo.

Però c’è un però. Indovinate che arriva alla soluzione del caso che Poe aveva scritto pari pari vent’anni prima? Un investigatore di nome… Edgar Poe.

Ma vuoi vedere che Dumas, invece di copiare, s’era inventato il primo gioco letterario della storia dei divertissement d’autore? Noi siamo convinti di si. E se volete sapere tutto su questo curiosissimo caso letterario comprate L’assassinio di rue Saint Roch nell’edizione di Baldini&Castoldi e un giornalista, scrittore e critico napoletano, Ugo Cundari, vi porterà per mano nei segreti del giallo Poe/Dumas.



Go Up
error: Contenuto protetto!

Utilizziamo cookie di terze parti per migliorare l'esperienza di navigazione. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi