;

Il Giallo di Galatina

Rubate dieci opere di Gaetano Martinez, scultore salentino

di Gialli.it 4 Agosto 2019

Se ne sono accorti per caso. E il furto può essere avvenuto quattro mesi fa.
Dieci opere di Gaetano Martinez, letteralmente volatilizzate. E stiamo parlando del più importante scultore salentino del Novecento. Rilanciato dalla Quadriennale di Roma subito dopo la sua morte, e in questi anni da Vittorio Sgarbi che ha valutato le sue opere in centinaia di migliaia di euro.
A sparire anche la Ignara Mali, la scultura di cui Sgarbi si innamorò e che oggi vale 230mila euro.
A denunciare il furto un pronipote di Martinez che ha visitato la casa museo di Galatina (provincia di Gallipoli) qualche settimana fa. L’appartamento era chiuso da mesi. Tiziano Causo lo ha aperto quando è tornata in Salento per il funerale di un parente. Mancavano dieci opere. Alcune anche molto ingombranti e pesanti. Ma l’appartamento non aveva segni di effrazione a porte o finestre.
Chi ha fatto il colpo ha sfruttato l’abbandono invernale  della casa ed è entrato senza fare forzature.
La Procura ha aperto un’inchiesta. Si indaga nel mondo dei collezionisti di opere d’arte che conoscevano e apprezzavano Martinez. Ma sarà un’indagine lunga e difficile, perché lo scultore è ancora poco noto in Italia, e molto più seguito all’estero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 



Go Up