“I Gialli? Non li leggo”

Quattro chiacchiere 'virtuali' con Antonio Manzini

di Ciro Sabatino 15 Giugno 2021

E’ che può capitare, in una mattina qualsiasi, di riuscire a farsi due chiacchiere con Antonio Manzini (è uscito proprio in questi giorni Vecchie Conoscenze, sempre Schiavone, sempre Sellerio). Nella speranza, magari, di sentirgli dire che ucciderà Schiavone sulle Cascate Reichenbach, ad un passo da Aosta (sic). Son quelle cose Social, che si bruciano in un attimo, che uno le fa e non sa neanche come andrà a finire.
E’ andata benino. Avevamo un po’ di domande da fare al papà di Rocco Schiavone, e gli abbiamo scritto. Lui ha risposto veloce e sincero. Ne è venuta fuori una chiacchierata virtuale che sarà bello anche approfondire. Perché Manzini è uno scrittore sorprendente, come il suo personaggio più famoso. Non è un lettore di gialli, per esempio. E la ‘serialità’ deve averlo stancato abbastanza.
State a sentire…

Intanto siamo partiti dagli inizi. Pensavamo al suo primo romanzo, peraltro ormai introvabile: Sangue Marcio. Tra quelle pagine c’è un personaggio con una storia interessantissima. Gli abbiamo chiesto se abbia mai pensato di recuperare ‘personaggi del passato’. E lui… “Se servono alla trama perché no? La verità è che molti li ho anche dimenticati”.
Allora abbiamo insistito sui ricordi e gli abbiamo ricordato Cencio, Franco, René e Cinese, i quattro ladri sfigati de  “La giostra dei criceti”. E’ veramente innegabile un ‘confronto’ con gli amici ‘di sempre’ di Rocco Schiavone?
Manzini ha risposto secco. “Non c’è nessun collegamento tra loro. Sono solo dei banditi e se hanno qualcosa in comune è solo legato alla loro etica e visione del mondo. Cencio era un subdotato, Franco un serpente a sangue freddo e Renè un eroe romantico”.
Eravamo pronti per toccare la corda Schiavone. In redazione abbiamo discusso sul come porre la domanda. “Chiediamo senza mezzi termini: Schiavone morirà?” Poi, abbiamo scelto una strada più morbida… Cose tipo, quanto è ancora legato a Schiavone e quanto vorrebbe liberarsene?
Sono parecchio legato a Rocco Schiavone, e finché mi diverto vado avanti. Dovessi percepire noia spegnerei la macchina. Non mi piacciono i libri dettati dalla necessità commerciale”.
Tiriamo un sospiro di sollievo. Siamo anche noi legati a Schiavone, e non volevamo sentire altro.

A questo punto, però, la curiosità è legittima: Sta pensando a un personaggio nuovo?
Lui risponde senza pensarci un attimo, ma un po’ si tradisce. “No, penso a nuovi libri, ma se per personaggio si intende un personaggio seriale dio me ne scampi”. Eccoqua. Schiavone lo impegna, lo assorbe, probabilmente non lo lascia libero. Per noi è ok, figurarsi. Ma si capisce, ad esempio, la voglia che aveva di scrivere un romanzo come Gli ultimi giorni di quiete. Fuori da sentieri. E, tra l’altro, bellissimo. Non ci resta che chiuderla col domandane deficiente che facciamo spesso, e ci rispondono tutti male.
Lo stato del ‘giallo’ in Italia. Pensa che stia crescendo, o la grafomania (imposta dagli editori) non fa bene? Insomma, se le va, sarebbe bello avere due parole su ‘giallo italiano. Visto che non ne parla più nessuno e si da tutto per scontato.
Ci pensa un po’, Manzini. Poi dice, forse sincero: “Sono la persona meno adatta a rispondere, perché io del ‘giallo’ e della sua situazione in Italia non ne so niente. E confesso che non sono neanche un lettore di gialli. Constato che ne escono parecchi, è evidente, rimembranze universitarie, che ci sia una domanda abbastanza elevata, altrimenti non se ne comprenderebbe il senso. Oddio, è anche vero che si scrivono migliaia di libri all’anno e non ci soni lettori… quindi confermo: non sono la persona adatta a dare una risposta intelligente. L’unica cosa che mi sento di dire è che se uno si sente di dover scrivere un libro, deve essere libero di farlo. Se non è un dictat editoriale, è ovvio, o un proclama politico“.
Fatta. Quattro chiacchiere con Manzini.  Non è andata nemmeno tanto male.

 



Go Up
error: Contenuto protetto!

Utilizziamo cookie di terze parti per migliorare l'esperienza di navigazione. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi